AVVOCATO DELL'ANNO CHIUDE CON SUCCESSO IL CASO DEL SEQUESTRO DEL GATTO GRUM

Avvocato dell’anno chiude con successo il caso del sequestro del gatto Grum ! Avete letto bene, esatto ! Grum è tornato a casa sua, nella sua famiglia ! Cosi com’è giusto che sia !

Anelia Kancheva, la proprietaria del gattino Grum insieme alla sua famiglia ringrazia Tutti per le 65.000 firme della petizione e i centinaia di messaggi di solidarietà arrivati.

ll merito del successo di questa operazione legislativa è del avvocato Stefano Sutti, nominato e premiato come L’AVVOCATO DELL’ANNO 2017 da parte di Le Fonti 

Stefano Sutti Avvocato dell’anno

Stefano Sutti Avvocato dell’anno

Avvocato Stefano Sutti è titolare dello Studio Legale Sutti che si è occupato e impegnato costantemente insieme alla avvocatessa Isabella Corlaita e alla esperta di marketing e comunicazione Ada Cattaneo a trovare la migliore e breve strada per porre fine al ingiustizia subita dalla sua cliente. Tifando soprattutto per il bene dell’animale, i legali sono riusciti a far tornare Grum nella sua famiglia, grazie al aiuto del nuovo magistrato in questo caso Tiziana Siciliano.

Tuttavia la notizia , o meglio il messaggio è anche un altro : in una società come questa di oggi, nella quale i valori morali e i sentimenti pare che non siano ne termini e ne clausole legislative valide, si trovano fortunatamente persone Serie  e Sensibili come Loro, in grado di comprendere un dolore che trascende la lettera della Legge e si impegnano a fare GIUSTIZIA .

ada cattaneo

ada cattaneo

L’assurdo sequestro di un piccolo (7 mesi) e innocente gatto non è un fatto quotidiano qualsiasi che va ignorato, anzi !

Fa riflettere sugli errori della giustizia che, anziche aprire gli occhi sulle vere e gravi problematiche sociali le ignora e mobilità una squadra di 6 persone per sequestrare un gatto ! Assurdo, vero?

Dopo aver pubblicato il 12 gennaio il primo articolo su questa allucinate faccenda che puoi leggere QUI,  ho ricevuto nella posta privata oltre 200 mail di persone giustamente infastidite, incazzate con la ‘’giustizia’’ e toccate sentimentalmente dalla notizia ! Eh si, hanno ragione ! Perche mentre un magistrato ( Eugenio Fusco in questo caso) si alza a mattina e insieme ad un cancelliere emettono un mandato, sulla loro scrivania ci sono decine e sui scaffali forse centinaia di dossier di casi notevolmente più gravi che li aspettano. Mentre loro si preoccupano di mobilitare personale pubblico per portare via un gatto innocente dalla sua famiglia e sbatterlo in una gabbia di ferro, alla Stazione Centrale di Milano i spacciatori girano liberamente. Vogliamo parlare poi di casi di delinquenza quotidiana che succedono tutti giorni e non trovano mai ne voce e ne giustizia ? Forse perche chi li deve risolvere è impegnato in altre faccende (come questa del gatto) o semplicemente le ignora perche non li tocca personalmente.

avvocato-stefano-sutti

avvocato-stefano-sutti

Leggiamo quanto segue nel comunicato dello Studio Legale Sutti , i risolutori del caso :

La questione NON E' FINITA, chiaramente: l'indagine resta aperta, il sequestro per il momento è tuttora in essere. Ma la cosa importante e di cui crediamo si possa essere tutti soddisfatti è che Grum intanto è tornato a casa, e salute permettendo sarà ancora vivo per vederne la fine.

‘’L'Italia ha una legislazione molto repressiva e restrittiva (alcuni dicono "avanzata") in materia di animali da compagnia. Alcuni animali sono indubbiamente vietati, e questo anche lodevolmente a tutela del bracconaggio che possa coinvolgere specie selvatiche potenzialmente a rischio, oltre che naturalmente per la possibile pericolosità dell'animale. Le legge vigente, d'altronde, NON considera minimamente i caracat, che sono ibridi che non esistevano neppure al momento della formazione dell'elenco degli animali vietati, e che in natura non esistono neppure, né come selvatici né come randagi, essendo deliberatamente prodotti come animali da compagnia.

Inoltre, dato che quelli come Grum producono prole feconda con i gatti domestici - a differenza ad esempio di cavalli ed asini, che come noto producono solo muli sterili - appartengono per definizione alla specie dei gatti, di cui rappresentano una razza.

La popolazione europea è l'unica al mondo ad avere una percentuale di DNA di provenienza Neanderthal, ma siccome ci riproduciamo con gli altri esseri umani nessuno suppone per questo che non andiamo considerati parte della specie homo sapiens.

Questa tesi è stata almeno implicitamente fatta propria dalle autorità di frontiera non solo cece e bulgare, che non hanno sollevato obbiezioni al passaggio dell'animale, ma da quelle ITALIANE che ne hanno consentito l'importazione dopo averne verificato razza e identità dal chip dell'animale e dai suoi documenti, quando lo stesso è stato trasferito in Italia per cure veterinarie urgenti;

e altresì dal personale della clinica, che diversamente sarebbe stato tenuto all'obbligo di referto degli esercenti le professioni sanitarie.

- Se anche la legislazione italiana vietasse o dovesse vietare in futuro per qualsiasi ragione i caracat, è nostra opinione che il giudice italiano abbia il dovere di considerarla illegittima e disapplicarla per violazione della normativa europea. In particolare, all'interno della UE vige come noto la libera circolazione di persone, capitali, servizi e beni (in cui sono inclusi anche gli animali).

Esiste bensì una riserva, che consente ai singoli stati di vietare l'importazione di merci od oggetti pericolosi per la salute e sicurezza dei consumatori e dei cittadini in generale. Ma ad esempio già nel 1987, in relazione ad una normativa tedesca che consentendo formalmente l'importazione di birra da altri paesi europei ma a condizione che fosse... fabbricata con acqua tedesca, la Corte di Giustizia ha espressamente dichiarato che perché la norma non venga considerata un tentativo di introdurre barriere non-tariffarie per eludere la libertà di circolazione, è onere dello stato dimostrare che sussiste davvero una pericolosità particolare rispetto ad altri oggetti o categorie di oggetti.

Ora, il pericolo sostanziale rappresentato da un caracat per un essere umano, rispetto ad un cane selezionato e addestrato per la difesa e che pesa dal doppio al triplo, o rispetto ad suino adulto o a un cavallo imbizzarrito, è ovviamente risibile, e sotto questo profilo eventuali restrizioni a favore dei gatti "nostrani" non possono essere applicate nel nostro ordinamento.

Anche se noi siamo uno studio "business", che si occupa soprattutto di società, diritto internazionale e proprietà industriale, abbiamo accettato questo caso perché difficilmente la padrona di Grum avrebbe trovato qualcuno con la massa critica, la visibilità, le risorse tecniche (di diritto penale, diritto amministrativo, diritto comunitario...) e la capacità di comunicazione che è in grado di dispiegare uno studio del nostro livello, dato che non penso tanti dei nostri concorrenti sarebbero così interessati ad occuparsi di salvare un cucciolo malato.’’

Loro, lo Studio Sutti l’hanno fatto invece e hanno vinto !

È questa la conferma della Grandezza e della pool position di un Professionista !

Ben tornato a casa Grum !

gatto-caracal-grum

gatto-caracal-grum

ANIMALI UMANI, la triste storia del cucciolo di gatto caracal sequestrato con prepotenza a Milano

Una tragica storia italiana, più precisamente milanese:

Ieri mattina giovedì 11 gennaio 2018 i carabinieri hanno effettuato un accesso forzoso presso l’appartamento milanese di Anelia Kancheva con un decreto a firma del Dr. Eugenio Fusco della Procura della Repubblica di Milano per la perquisizione dell’appartamento e di sequestro di Grum.

gatto caracal

gatto caracal

Grum è un cucciolo di gatto di 7 mesi che appartiene ad Anelia (cittadina europea di origine bulgara) e alla sua famiglia, marito e due figlie di 13 e 15 anni. Un gatto di famiglia, un gatto amato.

Il motivo del sequestro? Un quarto di DNA nel suo sangue di caracal motivo per cui considerato un ‘’caracat’’ , ingiustamente reputato pericoloso.

Il gatto caracal ibrido di allevamento è un felino legalissimo in tutta Europa.

È stato regolarmente acquistato sei mesi fa in un allevamento in Repubblica Ceca , vaccinato, certificato, munito di passaporto, permesso CITIES e chip sottopelle secondo la normativa della Unione Europea. Ha passato indisturbato le sue prime vacanze all’aperto in Bulgaria.

Successivamente è stato trasferito in Italia per subire un delicato intervento chirurgico presso la clinica San Francesco. Ha atterrato quindi normalmente e ha passato la frontiera identificato dalle autorità senza alcun problema.

Il gatto soffre di una malformazione congenita alla diaframma come attesta la sua padrona e i certificati medici. Ha subito quindi 2 interventi chirurgici complicati ma di successo. Al momento del sequestro era in cura medica e stretta dieta. Ma questo ai carabinieri non importa nulla. Loro seguono le indicazioni ‘’dal alto’. Da chi firma la perquisizione del appartamento di Anelia e sua famiglia e il sequestro del gatto senza sapere niente. Senza il minimo di dovere morale di informarsi. Senza una briciola di umanità e sensibilità verso il povero animale.

La disperazione della famiglia ha fatto si che il caso arrivasse sulla scrivania del avvocato Stefano Sutti titolare dello Studio Legale Sutti.

Sulla pagina ufficiale Facebook del Studio Legale leggiamo nel post dedicato a questo caso:

‘’in un paese in cui qualsiasi essere umano, anche certamente pericoloso, accampando ragioni opinabili può penetrare più o meno liberamente, e resta a piede libero sino alla decisione della sua posizione, decisione cui difficilmente conseguono comunque conseguenze pratiche, il sistema si dimostra cieco rispetto al fatto che la sua vittima qui sia molto più piccola di un gatto savannah, e molto meno aggressiva di qualsiasi cane da difesa, ed applica implacabilmente una normativa, incerta sia nella sua portata che nella sua legittimità, che oggi ne mette in pericolo la sopravvivenza dopo che è stato lasciato entrare nel territorio italiana con la speranza invece di potervi ricevere le cure necessarie!’’

 Il gatto strappato alla famiglia è finito immediatamente in una gabbia gelida di ferro presso i carabinieri. Un cucciolo di gatto in prognosi riservata per il suo stato di salute…

gatto razza caracal

gatto razza caracal

Lo Studio Legale Sutti si è immediatamente attivato per tutelare l’animale e sono riusciti a riportare il gatto in convalescenza dal suo veterinario dove la famiglia li possa portare il cibo adatto alle sue condizioni di salute. Perche cosi ha deciso ''la legge''.... è meglio in gabbia che in famiglia? Per quale valido motivo?

Il gatto è più che innocente come lo dimostrano le foto e i video di famiglia.

Nonostante questo, i carabinieri in cerca di prove della pericolosità del gatto lo hanno provocato girando intorno alla sua gabbia e infastidendolo  per poter ricavare del materiale e darlo in pasto alla stampa.

Più disumani di cosi?

Chi sarebbero i veri animali in questo caso?

Per la guarigione e il benessere psicofisico di Grum nonché della sua famiglia è essenziale che lo stesso torni a casa dalle cure amorevoli in cui è cresciuto.

caracal gatto

caracal gatto

grum gatto caracal

grum gatto caracal

Almeno sino a che sarà decisa la questione se lo stesso possa definitivamente restare in Italia, e a questo fine saranno poste in essere tutte le iniziative legalmente possibili per sensibilizzare le autorità preposte e il pubblico ad una situazione che non è meno paradossale per il fatto di coinvolgere “solo un cucciolo”.

Chiedo a tutti gli Animalisti la condivisione di questo articolo e do il mio accordo di copiarlo o riprodurlo agli altri blogger a fine di trovare umanamente giustizia.

Un animale è pur sempre un anima che soffre lontana dalla sua famiglia adottiva.

grum gatto caracal

grum gatto caracal

Per quanto riguarda le autorità statali forse sarebbe il caso che l’impegno di esse sia dedicato con devozione a problematiche sociali più gravi (vedi i spacciatori alla Stazione Centrale e migranti senza documenti che girano a fare danni veri)! Meglio porre attenzione su coloro che veramente creano fastidi e sono pericolosi.

Che male fa un gatto tenuto a guinzaglio? Invidia forse? Eh si, è questo il movente del caso! Perche Anelia è una donna bella, alta, bionda e le sue passeggiate con il gatto nei Giardini hanno disturbato chi ovviamente è già disturbato del suo, al punto di far sporgere una denuncia con le conseguenze elencate.

A nessuno importa della sofferenza provocata sia al piccolo animale convalescente che alla famiglia sopratutto alle 2 bambine di Anelia rimaste senza il loro gattino. Se questa storia fosse capitata a voi e ai vostri figli? Anelia e la sua famiglia non trova sonno e non trova pace per questa maledetta ingiustizia. Il gatto Grum per loro è come un figlio. Solo chi cresce un animale lo può capire ! Solo chi ha un anima può comprendere la loro sofferenza ! Altri no, i freddi tecnocrati del ''sistema'' se ne fregano. Con la complicità dei giornali nazionali che hanno trovato ''la notizia del giorno, lo scandalo del giorno'' senza farsi la minima domanda sulla sofferenza che hanno provocato veramente gratuitamente !  

gatto caracal

gatto caracal

Un caso finito su tutti giornali senza aver fatto mai niente di male a nessuno...

Mentre tanti altri casi sociali veramente gravi spesso non hanno voce perche vanno nascosti sotto il tappeto da chi dovrebbe dedicare tempo e impegno alla risoluzione.

Aiutiamo Anelia al recupero del suo amato Grum !

Condividete !

 

Vi racconto le collezioni Milano Fashion Week 2018 viste da me :

Dicevo quindi : Milano Fashion Week ....

Nonostante io non sono una fashion blogger e non mi stancherò mai di ripeterlo, qualche riflessione sulla moda di questa stagione mi tocca farla.

…con la premessa che anche io, come tutti gli esseri mortali mi sveglio a mattina con le occhiaie e voglia di uccidere chi mi parla prima di prendere il caffè.

…e anche con quella che durante la settimana della moda mi sono svegliata come una gazzella nella savana per correre più veloce dei fotografi.

…nonché per arrivare in tempo con il trucco non sfaldato dal caldo, facendo salti con i tacchi vertiginosi,  facendo quindi slalom tra i binari del tram e i marciapiedi pieni di gente come domenica alla mensa comunale.

‘’Sai che picco fanno le foto scattate nella sfilata e pubblicate subito sui social?’’ sento nel rumore della strada. ‘’Si. Nessuno!’’ rispondo io.

Ma se proprio è il caso lo facciamo !

La moda delle passerelle è solo in passepartout della Vera Moda: quella della strada! Quella si che rispecchia veramente in che mondo stiamo vivendo. Ma li dedicherò un altro articolo , non questo. Questo è per le passerelle !

Dunque:

Donatella Versace ha rispolverato e ricopiato tale uguale tutti i modelli e tutte le stampe disegnate da Gianni 20 anni fa. E riuscita cosi (dopo 20 anni) a mettere in piedi una collezione che finalmente sa di Versace. Ha anche invitato le top model oggi over 50 per gridare al mondo che ‘’la bellezza salverà il mondo’’ senza mettere Dostoijevsky nei crediti della sfilata.

I disegnatori di Moschino (riposa in pace Franco e l’anima tua e meno male che non vedi più) hanno inventato una collezione per metà punk e per metà botanica. Abiti a forma di fiore con i quali puoi tranquillamente uscire di casa ma non cosi tranquillamente entrare in macchina. Suggerimenti ?

Prada con la scusa che ‘’il sexy non fa la moda’’ (citazione ripetitiva di Miuccia Prada .... perche lei non è sexy...mai stata ! )  propone in tutte le salse cappottini over size con i quali puoi andare a rubare al supermercato. Cosa centrano le stampe a fumetto non l’abbiamo capito fino alla fine sfilata. Sarà un omaggio a Castelbajac degli anni 90 che a sua volta omaggiava Versace degli anni 80 che a sua volta omaggiava Andy Wharol degli anni ‘’60 ? Può essere !

Fendi siccome doveva sfilare non so quante borse , per non mandare le modelle nude in passerella ha detto facciamo tutto a righe e fiori ! è righe fu !

Alessandro Michelle Gucci mantiene anche questa stagione le 3 promesse fatte a Francois Pinaut e ad Elton John & figli all’entrata nel Tempio (come attivisti societari scommetto) : di andare sù con il fatturato, di accontentare i clienti della neo-aristocrazia cinese e rimanere sempre fedele alle simbologie nascoste. Per portare Gucci sulla via retta della guccifyzione !

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dolce e Gabbana hanno capito che il soldi si fanno anche con il gioco di carte napoletane (ma Domenico non era siciliano?) e le hanno stampate sugli abiti. Una passerella bisca come non si era mai vista ! Regine di cuori mischiate a regine di fiori, a regine, ma sopratutto a non-regine,

Interrotte di qualche vedova allegra (cullot e reggiseno in vista) che oramai è il mood riconoscibile della prestigiosa Maison.

Altre griff minore seguendo alla lettera il vangelo secondo Dolce e Gabbana hanno capito che educare piccoli mucciosi con D&G Junior è utile e meritevole al bilancio dell’azienda. Di conseguenza anche questa stagione dedicano capi di collezione ai piccoli e alle potenziali mammine.  …sperando nel tramando genetico della griff preferita dalla mamma alla prode. In mancanza di altra eredità ci si inventano nuovi ‘’valori’’.

4SuckerS E-commerce komuni-kat ! parte 1

Nuova tappa per lo sviluppo di 4 SuckerS, il ”peggior film con i vampiri mai visto!” finito sul tappetto rosso al Festival di Cannes nel 2015 (sezione format TV) come la prima serie mondiale animation-soap e strutturato in seguito come il primo progetto italiano di Branded Entertainment …. tanta roba !!!

 

4SuckerS , vampiri nella Milano da bare

4 suckers 2 mail

4SuckerS , vampiri nella Milano da bare

All’inizio fu il buio.

Ma  fu buio anche alla fine…

Di la’, dal buio arrivarono i vampiri, una razza umana geneticamente deviata con la capacita’ di alterare le coscienze altrui con solo la loro forza di volontà, padroni della più efficiente tattica di seduzione: Succhiare!

ok_MG_8412Raul Funes Amira MAIL

Mi sveglio, scendo da letto con il piede destro (cosi dice il Manuale), mi infilo i zoccoli con zeppa ortopedica in sughero , entro nel mio bagno (che rispetta le regole di feng-shui ma migliorerà prestissimo ). Mi guardo allo specchio, SONO IO, ho le occhiaie…