amira

amira

Nessun fiasco nei tentativi di gestire l’essenziale.

Nessun fiasco nei tentativi di gestire l’essenziale ?

Principessa, scomoda sul suo trono in cima alla torre girovaga per il Castello per allargare le vedute. Il confine del mondo conosciuto , distingue i sistemi dalle certezze.

La  principessa è indomabile ma amabile,…almeno fino alla prova contraria.

Che la tua opinione possa essere una mia teoria è un pò insufficiente,  e anche dimostrata può essere valida solo qua e là e da ora in poi non per molto.

Superandomi sempre come è nel mio uso, arrivo ad intuire ragioni profonde. Per sostrarti  al potere fascinatorio devi assolutamente sfuggire , almeno una volta…. da te stesso !

Non giro,  guardo avanti  e non mi fermo per esigere l’approvazione , se hai paura dell’altezza non salire in cima alla torre del Castello.

Il mio spirito ribelle lancia dal alto nuove e anarchiche innovazioni e teme la collera del tuo spirito carente. Uccido la routine a colpi d’occhio ….e di pistola. Da piccola la principessa faceva danza classica e tir nel caso non li sai , è spietata !

Nessun fiasco nei tentativi di gestire l’essenziale.

amira munteanu

amira munteanu, visual artist

Parlando con la gente ricavo che : l’introversione diventa ossessione.  L’eccessiva attenzione nel conservare le vecchie certezze diventa una dolorosa ansia di perfezione personale  che fa di ogni loro difetto , anche minimo un problema assurdamente enorme.

Il perfezionismo è sintomo di nevrosi, l’ordine anche, troppa regola spazio-temporale è già un segnale di allarme.

L’introversione eccessiva ti sta portando verso la paralisi esistenziale e anche se la tua ambizione è grande imboccando questa strada non riuscirai più a uscirne. Conviene aprire bene almeno un occhio!

Il terzo !

L’antidoto che ti propongo è l’autoironia, le leggerezza nel pensare , cogliere i sinonimi della perfezione piano piano con il tempo, anche se ti è rimasto poco.

Il perfezionismo è la dimensione di una esperienza che vale la pena provarla. L’investimento univoco delle energie nel fare Qualcosa, anche !

Sfuggo annoiata dalla morale comune incentivata su niente. Sono in eterna ricerca di una definizione al confine tra il corporeo e l’incorporeo.

Sapessi quante cose si sentono senza vedere…

Soluzione immediata : lasciati ipnotizzare ! …. e vedrai :  Nessun fiasco nei tentativi di gestire l’essenziale.

occhio-magico-croce

occhio-magico-croce

PER DIRVI QUESTO HO INDOSSATO :

Abito sartoriale in crepon , brand 4SuckerS,  Bat Label collection

ARTE

''Occhio che tutto vede'' , scultura in alabastro , plexiglass e gesso,, dimetro 40 cm,

Vedi tutte le sculture cliccando QUI

 

Cosa vuole una donna ?

Cosa vuole una donna ? ''Una domanda alla quale non ho ancora una risposta nonostante una vita dedicata alla ricerca sulla psiche femminile'' (dr. Sigmund Freud)

Che rimanga tra di noi Freud non ebbe una vita facile. Ma daltronte se lo scelse da solo. Era un po snob secondo me, un po egocentrico e anche un po masochista. Aveva una visione ideologica delle cose un po come tutti noi ebrei in generale, ovvero condizionata dai soldi.

Ora vuoi tu un po perche era ebreo, un po perche era borghese, un po perche si vestiva bene, alla fin dei conti doveva essere per forza bravo. Cioè capire tutti e tutte, lui compreso, ma soprattutto….e qua la storia si complica….capire le donne.

Cosa vogliono le donne?

Con la scusa di essere possedute dal Demonio, le donne cercano in primis un po di attenzione. Poi si vedrà.

Non riuscendo a dare una spiegazione logica alla materia femminile, dr. Freud inventò l’inconscio, il data base di tutti i segreti senza chiavi d’accesso. Unico ad averle era ovviamente lui ! Già, perche sotto l’inconscio (o dietro…non lo mai capito) c'è il subconscio. E come insegna Dr.Jekyll & Mr.Hyde quella è la parte PEGGIORE di noi.

Questa Ambiguità mischiata al Sesso li garanti in seguito a dr. Freud una certa notorietà direttamente proporzionale con il suo conto bancario. E visto l’epoca storica direi che era già sufficiente!.

L’unico suo contributo alla scienza in realtà fu la libera parlata di Sesso in un epoca assai bigotta. Era sufficiente per far crescere la passione popolare per la Psicanalisi. E la sua parcella. Questo però non significa che lui capì le donne…

Perche quella che cerco di spiegarla meglio un giorno (dopo aversela tromabata) li disse: ''senti schiocchino: sei tu, il tuo subconscio, hai capito? e il tuo subconscio è te, proprio come il tuo conscio, solo che il conscio è conscio di essere te, mentre il subconscio è te, ma tu non sei conscio di essere il subconscio! Ti è chiaro adesso?

E per la prima volta dr.Freud fu sincero con l'intera Umanità e rispose:

NO !

La mia conclusione vale di più di quella di Dr.Freud :

A 20 anni la donna vuole l’uomo divertente.

A 30 anni la donna vuole l’uomo bello.

A 40 anni la donna vuole l’uomo ricco.

A 50 anni la donna vuole l’uomo (finalmente) intelligente.

A 60 anni la donna vuole l’uomo l’uomo responsabile.

A 70 anni la donna vuole l’uomo (basta che respira).

A 80 anni la donna vuole l’uomo senza badante.

A 90 anni la donna vuole….. ma respira ancora?

A 100 anni la donna (finalmente) ha smesso di cercare l’uomo.

Io ho 45 anni e da sempre mi sono accontentata con l’uomo EVOLUTO….

…MAI TROVATO….!

 

 

I rischi del mestiere

Quando si sceglie DELIBERATAMENTE di svolgere un mestiere dove la propria immagine e la propria creatività è soggetto del lavoro stesso... Oppure quando le prestazioni artistiche correlate al immagine sono anche esse oggetto del lavoro scelto nonché di contratto, si assumono anche i rischi consequenziali delle proprie scelte.

L'Immagine

L'immagine è la prima cosa che vediamo. Ed è la prima cosa che veicoliamo. Nonchè la prima cosa che giudichiamo.
L’IMMAGINE , nella sua esposizione al pubblico diventa di conseguenza pretesto di controversie, commenti, critiche, apprezzamenti (falsi o veri), complimenti e opinioni , competizioni, invidie e gelosie in tutto un mozaico di espressioni umane emotive di un pubblico non sempre intelligente e che , interpellato o no, si esprime lo stesso...
Ma allo stesso tempo colui o colei che sceglie di svolgere per volontà e passione un tale mestiere si distingue dall’immagine .

La persona NON è l’immagine che veicola e ne il ruolo che interpreta !

Il personaggio non è l’essere.

Di conseguenza tutto quello che viene attribuito o riferito al immagine in realtà non tocca la persona, in quanto entità distinta della sua apparente rappresentazione.

Il personaggio

I rischi del mestiere

I rischi del mestiere

I rischi del mestiere

I rischi del mestiere

L'io & il personaggio.

L'io sono io , nel ''io sono''. Io sono me. Io sono ego. Ma io non sono il personaggio.
Il personaggio, inteso come essere umano che incarna in un certo momento il ruolo di un altro sa a priori che è esposto per definizione alla curiosità della masse , ai loro paragoni, ai loro commenti pertinenti e non, in sostanza al loro giudizio.

Ma poco li importa.
E cosi che per via del lavoro scelto si sceglie anche di non censurare nulla di quello che viene attribuito al immagine e al personaggio in quanto qualsiasi commento, opinione o critica positiva o negativa che sia altro non è che un altro modo di veicolo mediatico , gratuitamente svolto come lavoro da un pubblico in necessità di esprimersi, e di conseguenza PUBBLICITà !

Non volendo, chi critica fa in realtà un favore al personaggio criticato.

La pubblicità

Una parte a favore del personaggio è proprio la pubblicità.

La pubblicità è PARTE INTEGRANTE DI UN PROGETTO DI MARKETING STUDIATO A TAVOLINO . Buona o cattiva che sia, sempre Pubblicità è ! In realtà , senza saperlo o pensando di danneggiare fanno solo un FAVORE !

Il mondo

In un mondo mediatico basato su cifre e statistiche qualsiasi interazione di qualsiasi tipo contribuisce positivamente a veicolare l’oggetto del lavoro stesso dimostrando coraggio nel lasciare visibili i commenti ma anche indifferenza verso gli attacchi di qualsiasi tipo essi siano.
Sono queste le regole del mondo di Show Biz !

Sono questi i rischi del mestiere .
E poi ‘’…sono tutti diamanti per la mia corona’’ cantava un vecchio verso ….

I rischi del mestiere

I rischi del mestiere

PER DIRVI QUESTO HO INDOSSATO:

Abiti della collezione Label di 4SuckerS.

Abito della collezione Couture di Amira di Transilvania.

La Psicanalisi non è Mistica. Perche ?

Se la fisica quantistica ha dimostrato che l’energia crea materia e un pensiero è energie elettromagnetica , quindi con un solo pensiero accade un processo cognitivo concreto , allora perche la psicanalisi non usa questo strumento?

COP

TOCCATA RITOCCATA E FUGA ! BUTTIAMO IL DADO !

Ricevo diverse domande dai miei lettori e lettrici , più o meno velate, più o meno discrete, più o meno pertinenti.  Persone che tra l’altro invidio perche vorrei tanto avere io i loro dubbi sulla vita.... che mi chiedono se le mie foto sono ‘’photoshopate’’ . Ecco vedete,  dobbiamo fare uso di un neologismo cibernetico non ancora presente nel dizionario italo-italiano dell’ultima edizione papale aggiornata

._MG_8456Raul Funes Amira mail

Ora ,

prima di darli una risposta esaustiva in stile ‘’toccata e fuga’’, vorrei invitare tutti i curiosi che hanno da pensare a questo dettaglio ad una profonda riflessione.

Se tu fossi donna e devi uscire come usciva una volta la Giulietta perche Romeo la fischiava da sotto balcone , come usciresti? In pigiama, spettinata, con i tappi nelle orecchie e senza lavarti i denti ? Oppure ‘’ti metteresti un pò a posto’’ prima di farti vedere?

Se devi incontrare una persona a cui piaci e casualmente ti possa anche piacere , cerchi di essere più presentabile possibile, giusto? Ecco, anche io che ad alcuni e alcune di voi piaccio e molti di voi mi piacete seguo lo stesso ragionamento, per rispetto reciproco ‘’mi metto a posto’’.

Sempre per rispetto dei miei fan non oso mai farmi vedere ‘’nel mio peggio’’ , per questo genere di rari eventi lascio spazio al Caso e alla Providenza a buttare il loro dadi nel mio/vostro Destino._MG_8463Raul Funes Amira mail

 

Ci credete ancora, vero ?

Sappi che anche l’uomo che ti ama tanto, se non hai cura della tua immagine (perche difficile che un uomo vada ‘’oltre’’ più di tanto)  arriverà il giorno che ti rimpiazzerà per la prima ‘’sciacquetta’’ che li passerà sotto il naso e all’ora tutta la tua cultura e le tue qualità morali andranno in secondo piano dietro le apparenze di una gatta morta qualsiasi.... ma SEMPRE ‘’in tiro’’.

Brutta notizia vero ? Le statistiche registrano 89% dei casi di separazioni sotto la voce ‘’ha trovato una che è peggio di me’’….Peggio secondo Te !

Se tu fossi uomo e ti passa sotto il naso, proprio lei ‘’in tiro’’ , quella di cui parlavo prima (non tutti giorni, ma solo quando non c’è la partita) dai, non fare finta di non averla vista ! Hai già pensato ad una toccata e fuga , ammettilo !

_MG_8466Raul Funes Amira mail

L’IMMAGINE STIMOLA L’IMMAGINARIO.

Quanto mi sarebbe piaciuto essere una gatta morta ! Diventarlo è il mio sogno !

Ma torniamo a Photoshop e parliamo dei ‘’contrasti’’, perche si, con questo bel strumento ‘’aumento i contrasti’’. C’è sempre una bella differenza tra ciò che si percepisce con un solo occhio, con tutti e due, oppure con entrambi chiusi. Voterei per ultima, perche è li che sta la verità di tutta la nostra natura.

Io sono una donna di contrasti forti per tutti evidente , ma bel equilibrata tra essi (sono bilancia ascendente affettatrice) . Per chiarire , l’aumento dei contrasti  è ‘’sine qua non’’ , dietro l’immagine si cela sempre tutto quello che non si vede, ricordati !

‘’lente di ingrandimento’’ ecco un altro bel strumento di Photoshop , ma non solo , sotto il quale la realtà  , già brutta di se, vista nei dettagli diventa ancora più brutta. Che la tua realtà si ferma esclusivamente a ciò che vedi è un problema, …il Tuo problema !

‘’modifica a marionetta’’ non è un ordine a Geppetto di Pinocchio ma uno strumento di Photoshop. Ma siiii….perche no! siamo tutti marionette, siamo esseri fatti di pezzi di noi stessi mossi da fili invisibili manipolati da Nonsisachi….Anche io? Si anche io,! Sopratutto io !

Ma i ‘’filtri’’ ? possiamo mai vivere dentro questa effimera vita senza metterci dei filtri? Dall filtro U-V spalmato di estate sulla spiaggia per ‘’venire meglio’’ nelle foto come sulle copertine (la vanità regna) ai filtri ADSL per connettervi meglio con il mondo virtuale diventato oramai troppo reale, ai filri all’olio (aglio e peperoncino)  fino ai filtri dei contatti e dei contRatti , tra tutti i filtraggi ai quali possiamo concederci più o meno consapevoli, quelli del Photoshop sono tra i più ingenui....

_MG_8434Raul Funes Amira mail

Credetemi !

Poi c’è il meraviglioso strumento ‘’fluidifica’’ forse il più sublime tra tutta l’alchimia cyber-space, un mezzo attraverso il quale il solido diventa fluido , il fluido diventa umido , l’umido diventa eterico per compiere la magia e il miracolo dell’Tutto dentro l'Unico programma.

Chiudiamo questo programma con ‘’salva con nome’’ , le opzioni sono tante , scegli il formato che vuoi o che puoi, perche sarà quel Nome e quella Forma a farti riconoscere dietro Tutto, dietro ogni copione, trucco, costume o maschera che indosserai .

Tutta la realtà si può correggere , la finzione anche, quello che è virtuale diventa reale e viceversa , manca solo uno strumento ‘’correttore dell’anima’’ e potremmo essere Tutti più divini degli Altri !

Dio non gioca a dadi ma io SI !

foto di Raul Funes

PER DIRVI QUESTO HO INDOSSATO :

abito in seta stampata e seta dipinta a mano con inserti in eco pelle   rifinito a sbiego ,   vedi QUI

cintura corpetto in macramè  antico della Transilvania , dipinto e ricamato a mano ,

collare in macramè e perline ricamato a mano ,

anello in resina modellato a mano e ricamato con strass ,

brand ”Amira di Transilvania” Couture

capi unici 100% Made in Italy taglia 42 Italia  riproducibili su misura  con pre-ordine via mail al indirizzo di contatto

scarpe di collezione limitata  ''Le Silla''.

DESIGN

sedia coperta in tulè , design brand ''Knotfur'' Collection ,

 

copertina io mentale

RUBRICA MEN-TALE : ‘’lasciate che i psicopatici vengano da me…’’ – caso nr.1 – LO PSICOPATICO ‘’HAREM-ISTA’’

La mia nuova rubrica ”MEN-TALE”  propone in chiave di lettura per niente ironica una coloratissima rassegna di casi umani . Incontrati qua e là durante la mia esistenza e non solo , faranno oggetto di maliziosi sorrisi